Cassandra

23 giugno 2015 § Lascia un commento

wpid-img_20150621_100121.jpg
Photo Robert Doisneau 

Non senza rincrescimento mi liberai della pazzia.

Christa Wolf – Cassandra

Annunci

omaggio di parole

25 aprile 2015 § 2 commenti

5d5a1b_fdb897ad75aa4e42b25bae5601e8e944.jpg_srb_p_906_604_75_22_0.50_1.20_0.00_jpg_srb

Ph. © Cristina Rizzi Guelfi 

*

per quanto la valigia sia solo un’idea di    contenuti possibili
     noi  coltiviamo un’intimità  irrisolta che  non trattiene    senso
e   la forma ha   disconosciuto   gli oggetti    
       in  incapacità di      composizione

l’esistere è  abbandonato all’idea di    spazio  che
     non dialoga    perché nessuno   patteggia con     il vuoto
che pure   spadroneggia lasciando   lo sguardo
   isolato   sull’abisso     del movimento

tu decidi di non    attraversare    questo luogo
       che pure    ci trattiene
io sostengo  l’impronta del   mio corpo
     che non molla    l’idea   del possibile

seppure la luce  insiste ad    esercitare presenza
  la sua   ingenuità  non   ci    confonde
e non ristrutturiamo    e non demoliamo   questa intimità
che deteriora  senza   distrazione

© sofia demetrula rosati

testo pubblicato in
http://wordsocialforum.com/2015/04/22/giovani-prospettive-omaggio-di-parole-a-cristina-rizzi-guelfi/

e sono qui

10 marzo 2015 § 4 commenti

*
e sono qui
amico mio amica mia
ad indossare carne
perché si rendano visibili le tue rughe
che da tempo
ho assunto
come mia espressione
a mostrarti l’estetica del dolore
perché tu possa sperimentare
la densa pietà di uno sguardo che non ti conosce
a chiederti di tessere un velo di trama sottile
perché ho necessità delle tue mani
sul mio volto
in movimenti studiati
© sofia demetrula rosati
jessica rimondi
quadro di jessica rimondi

non ho creduto in niente

6 ottobre 2014 § Lascia un commento

 “… se oggi dovessi dire, in breve, quale sia la pulsione profonda da cui è nata tutta la moderna poesia, direi che tale pulsione è quella dell’anarchia. E’ questo impulso che mi ha fatto scrivere, una volta, a conclusione di una poesia del 1976, come proposta di autoepitaffio: ‘Non ho creduto in niente’. E il problema di un poeta, oggi, rimane sempre per me, come per i suoi lettori del resto, quello di trasformare l’impulso alla rivolta in una proposta di rivoluzione, e fare della propria miscredenza un progetto praticabile”.

Edoardo Sanguineti
http://www.anteremedizioni.it/edoardo_sanguineti_0

continuavano a dire poetessa

12 settembre 2014 § Lascia un commento

Greta avrebbe dovuto capire che quell’atteggiamento – passivo tollerante – era una benedizione per lei, come poeta, perché c’erano cose, dentro le sue poesie, tutt’altro che simpatiche o facili da chiarire.
(La madre di Peter e i suoi colleghi – quelli che lo sapevano almeno – continuavano a dire poetessa. Ma a lui aveva insegnato a non farlo. A parte questo, non ci fu bisogno di insegnare niente a nessuno. I parenti che si era lasciata alle spalle e quelli che al momento la conoscevano nel ruolo di casalinga e di madre, non avevano bisogno di imparare, perché non sapevano nulla di stranezze simili).

da Uscirne Vivi di Alice Munro
uscirne vivifoto di sofia demetrula rosati

Dove sono?

Stai esplorando gli archivi per la categoria immagini su trattiessenziali.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: