la poesia uccide

19 novembre 2013 § 4 commenti

imagesNon è sempre facile sopportare la poesia, può portare l’essere umano in direzioni inattese. Mi hanno donato le ali, ma dov’è l’aria per volare? [….]  Ormai ha da tempo dimenticato la presenza di Jens, pochi versi di Jonas e il ragazzo è sparito nelle parole, non si cura più della tempesta, recita i versi a voce alta per se stesso, li recita come una formula magica che gli permette di intravedere altri mondi. Nulla mi è delizia, tranne te. La poesia uccide, ti dona ali, le agiti un po’ e ti accorgi di avere catene. Ti apre mondi nuovi, e poi ti riporta brutalmente indietro, nella tormenta, nello squallore quotidiano. Che senza l’amor mio la vita è morte; per qualche motivo il ragazzo sente il bisogno di ripetere l’ultima strofa, e allora Jens si alza, senza l’amor mio la vita è morte, si alza e si precipita fuori, verso la tempesta, o meglio, dentro la tempesta, e sparisce. Allora il ragazzo si strappa dal potere della poesia e si affretta a seguirlo per non perdersi.

da La tristezza degli angeli di Jón Kalman Stefánsson

 

https://storify.com/comemusica/luce-d-estate-ed-e-subito-notte-stefansson

Annunci

§ 4 risposte a la poesia uccide

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo la poesia uccide su trattiessenziali.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: