le prime artiste

20 maggio 2017 § Lascia un commento

Dai un’occhiata al Tweet di @womensart1: https://twitter.com/womensart1/status/863828823435038720?s=09

Annunci

POESIE EDITE E INEDITE di MARINA CVETAEVA (1892-1941) e ARSENIJ TARKOVSKIJ (1907-1989) – Una storia d’amore in versi – A cura di Donata De Bartolomeo e Kamila Gayazova

1 maggio 2017 § Lascia un commento

L'Ombra delle Parole Rivista Letteraria Internazionale

arsenij 6Arsenij Tarkovskij

Nessuna di queste poesie di Marina Cvetaeva è stata tradotta in italiano ad eccezione di “Elabuga”, pubblicata e tradotta da Gario Zappi nel suo Poesie scelte di Arsenij Tarkovskij, Scheiwiller, Milano, 1988.
Si tratta di un ciclo di poesie palesemente scritte da Arsenij Tarkovskij à la màniere della Cvetaeva (vedi l’uso delle lineette). L’uno risponde all’altra.

“Io ascolto, non dormo, mi chiami, Marina…”
Gli ultimi anni della vita di Marina Cvetaeva sono stati studiati a fondo ma l’esatta data del suo incontro con Arsenij Tarkovskij non si trova da nessuna parte. E’ noto che pretesto della conoscenza fu la traduzione da parte di Tarkovskij dei versi del poeta turkmeno Kemine. Il titolo completo dell’opera è “Raccolta di canti e versi nella traduzione di Arsenji Tarkovskji con l’aggiunta di racconti popolari scelti sulla vita del celebre poeta”. L’accordo per l’edizione fu stipulato il 12 settembre del 1940 ed…

View original post 3.524 altre parole

Da Nietzsche all’haiku come arte zen

29 aprile 2017 § Lascia un commento

Vivere per Haiku - Il Blog del gruppo Facebook "Lab Zen Haiku Italia"

L’originale visione induista della mente advaita, non duale, ripresa anche dalla mente mushin zen e dal wu wei taoista, richiede un salto quantico da parte della coscienza, che deve abbandonare le speculazioni del fare, del giudizio, del calcolo e della ricerca dell’utile.
Ogni orpello può essere abbandonato aprendo le finestre e facendo sempre entrare aria nuova e la volontà di potenza (Wille zur Macht) di Nietzsche , che si basa sul perpetuo rinnovamento e rivingorimento dei nostri valori, sembra essere l’ideale metafisico che meglio si adatta a questo stato mentale, soprattutto se riferito al mondo attuale.
Ma proprio nel momento in cui la mente ordinaria, sottoposta alla volontà, assume la forza dell’acqua che scorre, ecco che tutto si accavalla, perdendo ogni contorno, paradossalmente come accade alla mente mushin, in cui tutti i valori perdono il loro significato.
Quindi davvero tutto è riconducibile a Nietzsche?
La natura umana ci insegna…

View original post 257 altre parole

Cuori – II

20 marzo 2017 § Lascia un commento

Cuori
concertina su cuore e amore a cura di Sivia Padoa
cuori di Giovanni Fassio

 

cover-cuori-web-shadow-133x198

 

Come “le foglie degli alberi” i cuori di Giovanni Fassio cambiano colore ed emozione.

Le foglie degli alberi
Cambiano di tinta col vento autunnale,
ma
del cuore umano,
cosa dobbiamo pensare?
(Hashi Sosei)

wp-image-771225715jpeg.jpeg

Cuori stilizzati sull’intuizione romantica di Maurice Rémond che pulsano e risuonano delle parole di sonetti e delle strofe poetiche che li accompagnano. Quasi sfrontati nella loro gioiosa rappresentazione, i cuori di Giovanni Fassio ben conoscono il limite dell’illusione.

Felici gli amati e gli amanti e coloro che possono fare a meno dell’amore.
(Luis Borges Acevedo)

Cuori – II, Concertina su cuore e amore”, a cura di Silvia Padoa
libretto alla leporello con disegni di Giovanni Fassio
Fiorina Edizioni, Varzi, febbraio 2017
Collana: Il soffietto – XXVIII
http://www.fiorinaedizioni.com/product/cuori-ii-concertina-su-cuore-e-amore-a-cura-di-silvia-padoa/

 

 

 

Etcetera

15 marzo 2017 § Lascia un commento

Etcetera è il nuovo libro di Maria Grazia Insinga pubblicato da Fiorina Edizioni, un Leporello di raffinatissima fattura (a cura di Giovanni Fassio), un libro d’artista da leggere, osservare e mostrare.

2017-03-14 20.52.43-1

è solo oscuro il baio
e puro e scalpita
e non ho finito
(MGI)

Il mostro, la dea, la bestia, l’avvelenatrice: quattro figure da aggiungere agli Arcani Maggiori dei tarocchi degli archetipi. Perché di archetipi si tratta e la lingua usata da Maria Grazia Insinga è quella della poesia veggente. Un parlare non udibile, ma che deve essere dipinto con lo sguardo per ricomporne in senso. Come sempre accade per le narrazioni del mito, dove le storie diventano personaggi e i personaggi prendono vita e la vita diventa storia e la storia diventa personaggio… ETCETERA

monotipo-cover-e-astuccio-etcetera-300x300

“ETCETERA” di Maria Grazia Insinga, libretto alla leporello o concertina
acquarelli di Alessandra Varbella
Fiorina Edizioni, Varzi, 2017 – Collana: Isolario – I
http://www.fiorinaedizioni.com/product/etcetera-insinga-fiorina/

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: